fbpx

VINCITORI CONCORSI

Home > VINCITORI CONCORSI

VINCITORI CONCORSI

CONCORSO NAZIONALE SCUOLE

 

Visionati i 175 titoli in gara nelle tre sezioni competitive riservate alle scuole, le rispettive giurie hanno attribuito i seguenti riconoscimenti:

 

(Premi Città di Torino – Sottodiciotto Film Festival & Campus)

 

I PREMIO del Concorso nazionale Scuole Secondarie di II grado a:

Onda pazza – Animiamo la legalità, realizzato dagli alunni della Scuola Secondaria di II grado dell’IIS “Archimede” di San Giovanni in Persiceto (BO), coordinati da Grazia Romano

con la seguente motivazione:

Per aver realizzato un percorso narrativo e visivo condiviso, capace di coniugare le voci della Storia con l’imprescindibile bisogno di non dimenticare il nostro passato.

 

La giuria ha anche deciso di assegnare due menzioni speciali ai film:

 

APParenze, realizzato dagli studenti dell’ITT “Panella-Vallauri” di Reggio Calabria, coordinati da Manuela Turano

con la seguente motivazione:

Per la drammaturgia semplice ma efficace nel rendere l’evoluzione del protagonista, studente d’oggi che prende coscienza dei rischi di un uso smodato e inconsapevole delle nuove tecnologie. Un’opera apprezzabile anche per l’equilibrio tra ironia e dramma, tra intrattenimento e monito.

 

La grotta degli amanti, realizzato dagli studenti del Liceo Ginnasio “Ugo Foscolo” di Albano Laziale (Roma), coordinati da Luca Piermarteri

con la seguente motivazione:

Per la ricostruzione dell’epoca e per l’accuratezza nella scelta dei costumi e degli oggetti di scena. La trama del racconto è chiara e compiuta. Al netto di alcune comprensibili ingenuità, la recitazione del protagonista maschile è misurata e convincente.

 

I PREMIO del Concorso nazionale Scuole Secondarie di I grado a:

Plastic Free, realizzato dagli studenti della Scuola Secondaria di I grado “Leonardo Da Vinci” di Lentate sul Seveso (MB), coordinati dalla docente Stefania Terraneo

con la seguente motivazione:

Per l’idea ingegnosa, originale ed efficace che dimostra le conseguenze delle nostre azioni sul tema della sostenibilità ambientale

 

La giuria ha deciso di assegnare anche una menzione speciale al film:

Pepe in forma, realizzato dagli alunni della Scuola Secondaria di I grado dell’IC “Carmagnola 1″ di Carmagnola (TO), coordinati dalla docente Simona Batignani

con la seguente motivazione:

Per l’efficacia nel sensibilizzare e per l’originalità con cui è affrontato il tema dell’alimentazione e per il rinnovato impegno dei ragazzi nel lavoro artigianale e di realizzazione che ha portato a un risultato eccellente

 

I PREMIO del Concorso nazionale Scuole dell’Infanzia e Primarie a:

Ssh, realizzato dai bambini della Scuola Primaria di Valle Mosso (BI), coordinati dalle maestre Gabriella Mondino e Laura Marampon e da Loredana Erbetta

con la seguente motivazione:

Il corto è stato apprezzato per la creatività e l’originalità dell’uso dei mezzi espressivi. Il messaggio è reso chiaramente, lasciando spazio alla convinzione di un possibile futuro positivo nelle nuove generazioni.

 

La giuria ha deciso di assegnare anche una menzione speciale al film:

5 sensi, 5 amici, realizzato dai bambini della Scuola dell’Infanzia di Villar Dora, IC di Almese (TO), coordinati dalle maestre Nella Gentile e Luciana Fino

con la seguente motivazione:

Il corto merita una menzione speciale per la freschezza e le parole del componimento musicale che evidenziano l’assoluto protagonismo dei bambini in tutte le fasi della produzione.

 

(Altri premi):

 

PREMIO KAPPA del Concorso nazionale Scuole Secondarie di II grado al film:

#tagliamolealpi, realizzato dagli studenti del Liceo Artistico “Paolo Toschi” di Parma, coordinati da Michele Putorti

con la seguente motivazione:

Per l’accuratezza delle immagini, il ritmo del montaggio e per aver affrontato in maniera ironica e originale un tema di grande attualità.

 

PREMIO UNICEF del Concorso nazionale Scuole Secondarie di I grado al film:

Un posto per tutti, realizzato dagli alunni della Scuola Secondaria di I grado “Aldo Moro” di Cerro al Lambro (MI), coordinati dalle docenti Simona Mazzarella e Silvia Balducci

con la seguente motivazione:

Per l’idea semplice ed immediata con cui lo spot trasmette i valori e gli ideali dell’UNICEF facendo riflettere sul tema dell’inclusività, particolarmente attuale dal momento che molti bambini e adolescenti rimangono ancora esclusi dal diritto all’istruzione.

 

PREMIO UNICEF del Concorso nazionale Scuole dell’Infanzia e Primarie al film:

Una nuova invenzione, realizzato dai bambini della Scuola Primaria “Gianni Rodari”, IC Kennedy Ovest 3 di Brescia, coordinati dalla maestra Rosa Rositano e Silvia Palermo di Avisco

con la seguente motivazione:

Si assegna al corto il Premio Unicef in quanto esprime a livello contenutistico il principale messaggio di Unicef: i bambini, assoluti protagonisti, sono il cuore pulsante del mondo.

 

Una menzione speciale Unicef del Concorso nazionale Scuole dell’Infanzia e Primarie al film:

Tu cosa vedi? Viaggio animato alla scoperta delle opere di Joan Mirò, realizzato dai bambini della Scuola dell’infanzia “Maria Conti” di Dello (BS), coordinati dalle maestre Daniela Saleri e Elena Bertocchi e da Irene Tedeschi e Silvia Palermo, operatrici Avisco

con la seguente motivazione:

Il corto merita la menzione Unicef in quanto lo sguardo dei bambini e i diversi punti di vista dimostrano che la fantasia è fonte di creatività e spontaneità.

 

PREMIO CIAS (Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola) per il miglior percorso di ricerca nell’ambito del Concorso nazionale Scuole Secondarie di II grado a:

Una luce nuova, realizzato dai ragazzi del Liceo Scientifico e Linguistico Statale “Federico II di Svevia” di Altamura (BA), coordinati dalle docenti Domenica Mitacchione e Margherita Susca

con la seguente motivazione:

Abbiamo apprezzato il testo affidato alla voce narrante, convincente e ben recitato, che sfugge al rischio di una facile enfasi retorica.La narrazione è sostenuta da efficaci e coraggiose scelte visive che creano empatia e ci fanno immaginare che la protagonista abbia vissuto direttamente l’esperienza. Da sottolineare la delicatezza e la poesia della narrazione, unite all’impegno sociale a favore della donazione degli organi.

 

La giuria ha deciso di assegnare anche una menzione speciale al film:

The Meaning of Life, realizzato dallo studente Davide Ferrua del Primo Liceo Artistico di Torino, supervisionato dalla docente Carmen De Metrio

con la seguente motivazione:

Si apprezza nel cortometraggio lo sguardo originale dell’autore, che sfrutta l’inquadratura fissa e un’unica scenografia per sviluppare azioni minimali e ben leggibili, da cui derivano un forte impatto narrativo e un coinvolgimento emotivo dello spettatore, grazie anche al ritmo efficace.

 

PREMIO CIAS (Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola) per il miglior percorso di ricerca nell’ambito del Concorso nazionale Scuole secondarie di I grado a:

La grande storia di un piccolo tratto, realizzato dai ragazzi della Scuola Secondaria di I grado “Alessandrini” di Civezzano (TN), coordinati dal docente Francesco Izzo

con la seguente motivazione:

Prendendo spunto dalla omonima pubblicazione di Serge Bloch, l’opera si fa apprezzare innanzitutto per la capacità di trasporre l’albo in forma personale ed essenziale, rifuggendo la facile imitazione. Buona l’articolazione narrativa e la gestione del progetto complessivo in un contesto di laboratorio rivolto a un piccolo gruppo di studenti in cui traspare un buon grado di coinvolgimento dei partecipanti. Il lavoro è punteggiato da alcune intuizioni interessanti sul piano estetico ed espressivo.

 

PREMIO CIAS (Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola) per il miglior percorso di ricerca nell’ambito del Concorso nazionale Scuole dell’Infanzia e Primarie a:

Salviamo il pianeta, realizzato dai bambini della Scuola Primaria IC 2 di Asti, coordinati dal maestro Dario Cipolla

con la seguente motivazione:

Abbiamo apprezzato come a partire da una canzone sia stato costruito un prodotto nel quale si evidenzia un efficace controllo di tutte le componenti del linguaggio e delle tecniche cinematografiche: dalla scelta delle location alla composizione visiva, alla cura delle luci, al ritmo della narrazione e al montaggio.Al di là della specifica esperienza, potrebbe essere un esempio utile per strutturare percorsi di comunicazione dove i rapporti tra i testi verbale-musicale e cinematografico siano al centro del lavoro.

CONCORSO NAZIONALE OFF

 

La giuria del Concorso nazionale Sotto18 OFF 2020, composta da Fabio Bertolotto, studente del DAMS – Università degli studi di Torino, Ewa Gleisner, manager culturale e media educator, e Alessandro Guida, regista e produttore, ha deciso di assegnare

il premio per il miglior film a:

Blue realizzato da Caterina Nonne (di Vercelli)
con la seguente motivazione:

Per la coerenza formale con cui questo racconto intimo riesce a restituire allo spettatore una visione unica del mondo, attraverso un montaggio frammentato, un sapiente uso delle soggettive e rigorose scelte di messa in scena. Per agevolare la comprensione del messaggio personale e allo stesso tempo universale, si alternano riprese di visi, occhi, bocche e mani, strumenti che ognuno ha a disposizione per comunicare sentimenti. Una metafora del ciclo della vita, che parte dal pianto di un bambino e finisce con il sorriso di un anziano.

La giuria ha assegnato, inoltre, due menzioni speciali ai film:

Mi manca realizzato dai ragazzi della Summer School 2019 di Ceis Arte Coop Sociale di Granarolo dell’Emilia (di Bologna), insieme alle insegnanti Irene Olavide e Morena Sarro all’interno del laboratorio condotto da Tiziana Passarini

con la seguente motivazione:

Per il modo originale con cui è raccontata una tematica delicata e complessa, come quella di dover abbandonare il proprio paese, di lasciare la casa dove si è sempre vissuti, la famiglia, i sapori, i racconti e le credenze, attraverso la tecnica dello stop-motion.

Aiace realizzato da Nicolò Folin (di Milano)

con la seguente motivazione:

Per il talento dimostrato nel raccontare un soggetto classico attraverso il meticoloso controllo delle componenti tecniche, l’uso di inquadrature mai scontate, la scelta precisa del bianco e nero, il rigore del montaggio e delle scelte musicali.

CAMPUS SHORT FILM COMPETITION

 

La giuria di Campus Short Film Competition 2020, composta da Tommaso Bertani, produttore di Ring Film, Stefano Cravero, montatore e docente universitario, Luca Dal Molin, direttore artistico Biennale del corto di Vicenza, Francesco Romano, responsabile comunicazione digitale di Missioni Don Bosco, ha deciso di assegnare

il premio per il miglior film, la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Film Festival & Campus per il miglior suono, il premio speciale Missioni Don BoscoMissione Futuro” a:

Kedamono. The Beast di Antonella Fabiano (di Rho – MI) e Chiara Speziale (di Morbegno – SO)

con le seguenti motivazioni:

per il premio per il miglior film: Utilizzando regia affascinante, curata nei dettagli e ricca di citazioni e continui rimandi, le registe mettono in scena un tema drammatico e senza tempo attraverso lo sguardo di una generazione di donne nuova, consapevole e matura. Un lavoro coraggioso, capace di porsi con la forza dell’immediatezza come cardine di una riflessione sul cinema e sulla società in cui viviamo.

per la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Film Festival & Campus per il miglior suono: Premiamo per il suono un film senza battute. Kedamono ci dimostra il potere dell’intreccio fra l’immagine e il suono. L’utilizzo del suono non è destinato ad aggiungere informazioni per raccontare la storia, piuttosto aggiunge potere alle immagini traghettando lo spettatore nel luogo del racconto, filmico e fisico, con grande chiarezza di intenti.

per il premio speciale Missioni Don Bosco “Missione Futuro”: Il cortometraggio tocca un tema molto rilevante e attuale. Il cinema è uno strumento fondamentale nella costruzione di una coscienza civile collettiva e Kedamono riesce efficacemente a sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne. Un argomento molto caro a Missioni Don Bosco che sostiene da molti anni numerosi progetti a sostegno delle donne vittime di violenza, con attività di accoglienza e supporto psicologico.

il premio Base Zero per la miglior regia a:

Un passo avanti (Ita 2019, col, 12′) di Antonella Barbera (di Enna) e Fabio Leone (di Enna)

con la seguente motivazione:

Attraverso un linguaggio visivo ricercato e mai retorico il film riesce a restituire la complessità e il peso di un personaggio fondamentale per la storia del Paese e delle sue istituzioni. Gli strumenti del montaggio e della fotografia vengono utilizzati con grande competenza come elementi linguistici al servizio di un racconto scorrevole e avvincente.

la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Film Festival & Campus per la miglior fotografia a:

Amateur di Simone Bozzelli (di Silvi – TE, residente a Milano)

con la seguente motivazione:

Amateur riesce da subito a trasportare lo spettatore nella dimensione di prossimità che i due protagonisti vivono durante un pomeriggio di studio. Ciò avviene grazie a un brillante ingaggio visivo che parte da quello che è la soggettiva del protagonista attraverso il proprio smartphone, soggettiva mediata per antonomasia della contemporaneità. Un ottimo trattamento del colore e della grana traghettano lo sguardo verso un’immagine più ricca di informazioni fotografiche e ben lavorata e che mantiene costantemente una prospettiva di profondità sui corpi e la scena pur facendo ricorso principalmente al primo piano. Questo uso delle inquadrature e della luce sostiene la tensione nella relazione fra i due personaggi, e aiuta lo spettatore a immergersi nei ricordi più sensuali dell’adolescenza, negli odori e nella spietatezza dell’insondabile incomprensione dell’altro.

la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Film Festival & Campus per la miglior sceneggiatura a:

Mentre dormi di Francesca Giuffrida (di Torino, residente a Roma)

con la seguente motivazione:

Per aver saputo scrivere una sceneggiatura spettacolare che rende i personaggi credibili e fedeli sullo schermo con una forza reale visiva e drammatica. Inoltre con una scrittura cinematografica piena di ritmo che esalta la storia e i suoi personaggi.

© 2021 - AIACE Torino Galleria Subalpina, 30 10123 Torino - P.IVA 05218600012