Accesso rapido:




 

Programma Scuole

Sottodiciotto Filmfestival - Torino Schermi Giovani ha festeggiato il decennale nel 2009 raggiungendo importanti traguardi: le 35˙000 presenze registrate ci consentono di continuare a crescere con il nostro pubblico, confermando la bontà delle scelte effettuate e rafforzando la nostra identità. Ed è proprio a partire dal tema dell’identità, declinato nelle sue molteplici sfaccettature (come ricerca, definizione ed espressione di sé sotto il profilo personale, sociale, etnico, generazionale, culturale, di genere ecc.) e rapportato allo specifico del mondo giovanile, che prende le mosse l’XI edizione della manifestazione, inserita tra gli appuntamenti di spicco di Torino European Youth Capital 2010. 

Con costante impegno e passione si è predisposto per le scuole un cartellone denso di iniziative e contenuti di elevato profilo didattico, reso possibile grazie all’imprescindibile e fondamentale sostegno di Enti pubblici e privati, che vedono in Sottodiciotto una risorsa da sostenere e valorizzare, e all’insostituibile collaborazione di autorevoli istituzioni e realtà culturali che contribuiscono alla definizione del programma. 

Punta di diamante dell’evento è come sempre il Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle scuole - in costante crescita sia sul piano qualitativo che sul versante quantitativo - articolato in tre sezioni: Scuole dell’Infanzia e Primarie, Secondarie di I grado, Secondarie di II grado. Nel 2010 sono pervenute per la selezione 440 opere, delle quali sono approdati alla fase finale 197 titoli, cui si aggiungono i 26 presentati durante la Festa di premiazione dei prodotti delle scuole con i Centri di Cultura ITER. Com’è consuetudine, le classi - che anno dopo anno giungono sempre più numerose a Torino da ogni angolo d’Italia - avranno modo di confrontarsi sugli esiti conseguiti assieme ai loro docenti nel corso degli incontri che accompagneranno le proiezioni del Concorso. I cineasti in erba, protagonisti indiscussi di Sottodiciotto, saranno accolti dai loro compagni degli Istituti Superiori torinesi, che si occuperanno anche dei servizi fotografici e video. Dal 2009, inoltre, anche il manifesto del Festival è frutto del proficuo rapporto di collaborazione con l’universo scolastico. 

Le Scuole Secondarie di II grado potranno scegliere tra un ampio palinsesto. In occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne verrà proposto Viaggio a Kandahar, preziosa testimonianza sulla situazione femminile in Afghanistan sotto il regime talebano, commentato da Angela Lano; Fabio Geda e Enaiatollah Akbari incoraggeranno invece, in concomitanza con la Giornata Internazionale dei migranti, la riflessione sulla questione dei flussi migratori dopo la visione di Cose di questo mondo di Michael Winterbottom, mentre per la Giornata Internazionale dei disabili il dibattito, condotto da Marco Pautasso, si concentrerà intorno a Buon compleanno Mr. Grape. Molte proiezioni, oltre a Viaggio a Kandahar e Cose di questo mondo, saranno seguite dall’incontro con testimoni internazionali impegnati sul fronte della tutela dei diritti umani e civili: Silvietta Giletti Bensointrodurrà La storia ufficiale, uno sguardo disincantato sulla tragedia dei desaparecidos argentini; I gatti persiani di Bahman Ghobadi, illustrato da Farian Sabahi, sarà l’occasione per conoscere un regista che restituisce con il coraggio della denuncia i fermenti della gioventù iraniana; Euro Carello e alcuni volontari di Emergency parleranno di Domani torno a casa, documentario che segue le vicende di due ragazzi, vittime civili delle guerre, girato nei centri costruiti dall’associazione umanitaria a Khartoum e Kabul. Altre due pellicole permetteranno di affrontare il tema della ricerca dell’identità: Beautiful Thing, percorso di due giovani verso la rivelazione e l’accettazione della propria omosessualità, e La solitudine dei numeri primi, tratto dal caso letterario di Paolo Giordano, presente in sala per conversare con gli studenti. Si avrà inoltre l’imperdibile opportunità di scoprire il cinema di Jean-Pierre Jeunet e il suo inconfondibile approccio alla regia grazie alla visione de Il favoloso mondo di Amélie, per concludere con la proiezione in lingua originale al Goethe-Institut di Wahrheit oder Pflicht, che mette in scena una ragazza divisa tra le aspettative del mondo circostante e il voler affermare le proprie scelte. 

Diversificati più che mai anche gli appuntamenti pensati per i ragazzi under 14, ciascuno di essi arricchito dall’intervento di scrittori, illustratori e personalità della cultura: Antonella Abbatiello, Stefania Bertola, Gessica Franco Carlevero, Bruno Gambarotta, Andrea Gregorio, Eros Miari, Tiziana Nicolai, Carlo Pavese e Younis Tawfik.Due i film dedicati ai più piccoli: il delicato Principi e principesse di Michel Ocelot, delizioso lungometraggio realizzato con la tecnica delle ombre cinesi, e La principessa e il ranocchio, che segna il grande ritorno della Disney al disegno animato. Molte le proposte adatte sia agli allievi delle Primarie che a quelli delle Secondarie di I grado. A loro Sottodiciotto regala la spettacolare esperienza del 3D programmando A Christmas Carol, diretto dallo sperimentatore Robert Zemeckis, e Alice in Wonderland, rivisitazione dei romanzi di Lewis Carroll da parte del cineasta sognatore per antonomasia, Tim Burton. E ancora, una perla della cinematografia francese, Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, tratto dalle divertenti storie create dal genio di René Goscinny e Jean Jacques Sempé. Gli studenti della Scuola del Teatro Stabile di Torino, diretti da Walter Malosti, reciteranno in oversound la versione restaurata in digitale HD di Il ladro di Bagdad, che nel 1940 fece scalpore per l’elevatissima qualità dei suoi effetti speciali. Si offre infine la rara opportunità di conoscere i capolavori di Jurij Norštejn, tra i massimi maestri del cinema d’animazione mondiale, ospite a Torino, così come Guido Manuli, grande animatore italiano che presenterà il suo Eroe dei due mondi. Le Scuole Secondarie di I grado, in concomitanza con la Giornata Universale del bambino potranno vedere L’annoin cui i miei genitori andarono in vacanza, uno spaccato sul periodo della dittatura in Brasile osservato attraverso gli occhi di un bambino, oppure apprezzare una delle pellicole recenti più affascinanti sull’adolescenza, l’intenso Un ponte per Terabithia, o ancora lasciarsi trasportare dalle melodie di Les Choristes - I ragazzi del coro

Com’è tradizione Sottodiciotto allestirà momenti di formazione rivolti a insegnanti ed educatori. La tavola rotonda Come far stare 29 bambini in uno schermo? si occuperà di dibattere sulle modalità con cui operatori specializzati e docenti utilizzano lo strumento audiovisivo a fini didattici, mentre il percorso Alla ricerca di sé. Il ruolo della scuola nella costruzione dell’identità giovanile è finalizzato alla produzione di 8 cortometraggi (proiettati al cinema Massimo) realizzati da Istituti Superiori di Torino, in cui i ragazzi sono stati chiamati a mettere in immagini la loro visione di una scuola in grado di riconoscere e valorizzare le peculiari caratteristiche individuali. Per le classi è prevista una vasta gamma di attività integrative, come laboratori, workshop e visite guidate, con l’intento di rendere il soggiorno a Torino culturalmente ancora più interessante. 

Sottodiciotto, giunto dopo la prima decade a un nuovo “anno uno” che si auspica possa essere foriero di novità ed entusiasmo almeno quanto lo fu quello della nascita del Festival, nel 2000, prosegue il proprio cammino sorretto dalla convinzione che il cinema possa costituire per l’universo giovanile e per il mondo scolastico un validissimo strumento di formazione, condivisione, divertimento e una fonte continua di scoperte e conoscenza. 

Aiace Torino
Città di Torino
Divisione Servizi Educativi - ITER

Stampa questa pagina (Programma Scuole).Segnala questa pagina (Programma Scuole).Segnala un errore in questa pagina (Programma Scuole).
Documenti allegati