Home > Programma Scuole Sottodiciotto2019

Sottodiciotto Film Festival giunge nel 2019 al 20° anno di vita. Nel 2000 nasceva infatti la prima edizione del Festival con il Concorso nazionale dei prodotti audiovisivi realizzati nelle scuole, che rappresenta ancora oggi il perno di tutto il programma. I film realizzati dalle scuole si potranno visionare in sala nei giorni del Festival dal 18 al 22 marzo 2019 e, come di consueto, la proiezione sarà anche e soprattutto un’occasione e uno spazio di confronto tra giovani e giovanissimi autori, pubblico e docenti. Momento culminante del Concorso sarà la premiazione finale di venerdì 22 marzo.

Come da tradizione inoltre, il Festival proporrà per le scuole, a partire dal 1° marzo, un ricco palinsesto di proiezioni – rivolte agli studenti di ogni ordine e grado, dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di secondo grado – in collaborazione con enti e partner del territorio, e grazie ai quali sarà possibile unire al piacere della visione l’approfondimento dei temi specifici trattati nei film in programma attraverso la presenza di ospiti e relatori di rilievo. Da sempre una costante del programma riservato alle scuole è la scelta dei titoli e degli incontri ad essi legati dettata dalla convinzione che il rapporto, complesso e stratificato, tra i giovani e il mondo dell’audiovisivo possa essere utilmente integrato da analisi, discussioni, stimoli e suggerimenti veicolati dalle proiezioni, diventando così un potente strumento di crescita personale e collettiva. 

Anche la 20ma edizione riconferma alcune proposte laboratoriali con Sotto18 LAB, uno spazio di coinvolgimento attivo che vedrà impegnate le classi in workshop differenziati per età e competenze, promossi da importanti partner come l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, le Biblioteche Civiche Torinesi, ITER – Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di animazione, il Museo Nazionale del Cinema.

Come per tutte le altre edizioni, il Festival viene sostenuto dalla partecipazione attiva e trascinante di oltre duecento giovani studenti che si metteranno in gioco per garantire i servizi di accoglienza, grafica, foto, video, reportage.

Le iniziative del Festival dedicate alle scuole rappresentano un possibile, ulteriore strumento per stimolare quell’“intelligenza emotiva” che – come sostenuto da Umberto Galimberti – non si forma solo attraverso la mera trasmissione di saperi, ma implica lo sviluppo di una personalità coerente, consapevole ed empatica, capace di comprendere se stessi, l’altro e la realtà circostante. Ancora una volta quindi, nel suo importante anniversario, Sottodiciotto & Campus si propone come uno spazio che, attraverso il fascino e la forza del cinema, favorisce il coinvolgimento, l’identificazione e l’ampliamento dei punti di vista, nel tentativo di contribuire alla formazione non solo di una nuova generazione di spettatori, ma anche, più in generale, dei giovani uomini e delle giovani donne di domani.

Vi aspettiamo! Buona visione a tutti!

Steve Della Casa
Direttore artistico

Sara Girardo
Responsabile programma Scuole e del Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle Scuole

Venerdì 8 MARZO, Cinema Romano 1, 3
10.30 | Molly Monster

di Matthias Bruhn, Michael Ekbladh, Ted Sieger (Svizzera, Germania, Svezia 2016, 72′)

La piccola Molly vive insieme ai suoi genitori a Mostrolandia, il tranquillo Paese dei Mostri fatto di colline, vulcani e geyser. Nella vita della mostriciattola Molly sta per accadere qualcosa di nuovo: l’arrivo di un fratellino o di una sorellina. Il piccolo, come tutti i mostri, dovrà nascere nella lontana Isola delle uova. Molly è troppo piccola per andarci ma a un certo punto deciderà di opporsi al divieto e cercherà di raggiungerla con l’amico del cuore Edison.

Ted Sieger trova i toni (e i colori) giusti per affrontare temi importanti a partire da quello della diversità: nel mondo dei mostri non c’è nulla di cui avere paura, i protagonisti non sono belli, ma ciò che importa sono l’affetto e l’amore che regnano tra loro. L’avventura di una piccola “donna” in occasione della Giornata dell’8 marzo.

Introduce la proiezione Andrea Pagliardi, critico e animatore
Proiezione in collaborazione con ASIFA Italia – Associazione Italiana Film d’Animazione

Mercoledì 13 MARZO, Cinema Fratelli Marx 1, 2, 3
10.30 | 
Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite
di Enzo D’Alò (Italia, Francia, Lussemburgo 2017, 82’)

Pipì, Pupù e Rosmarina sono i tre cuccioli cercatori del Mapà, figura misteriosa un po’ mamma e un po’ papà, e questa volta Voce, il narratore fuori campo, chiede loro di porre rimedio a un grosso guaio: il Mapà ha composto le musiche di un grande concerto d’opera che la filarmonica degli animali del bosco dovrebbe eseguire a Ferragosto, ma le note della partitura sono sparite e nessuno sa dove siano finite (o chi sia stato a nasconderle). C’è un solo modo per recuperarle: poiché le note sono attratte da chi canta, i nostri tre eroi dovranno allestire un concerto.

Il film vuole insegnare anche ai più piccoli la complessità e il gusto del bello: così, lungo la trama, sono sparse parole “difficili” come “melomane”, “prosaico” e “tenzone”; così, le musiche e le storie che i tre cuccioli mettono in scena non sono “canzonette per bambini” ma brani tratti da “L’italiana di Algeri”, dal “Don Chisciotte” e dallo “Schiaccianoci”.

Introduce la proiezione Andrea Pagliardi, critico e animatore
Proiezione in collaborazione con ASIFA Italia – Associazione Italiana Film d’Animazione

Venerdì 1° Marzo, Cinema Massimo 2,3
10.00 | Vampiretto
di Richard Claus, Karsten Kiilerich (Germania 2017, 83′)

Rudolph Sackville-Bagge sta per compiere 13 anni – per la trecentesima volta. È infatti un vampiretto che vive in Transilvania, apparentemente indisturbato. Ma il perfido Rookery, cacciatore di vampiri, è in agguato e riesce a fare prigioniera quasi tutta la sua famiglia: riescono a fuggire solo il ragazzino, i genitori e la sorella Anna, e riparano nella vicina Germania presso un bed and breakfast che ospita già una famiglia di San Diego in vacanza. Sarà proprio Tony, il figlio della coppia di americani, ad aiutare Rudolph a contrastare il perfido Rookery, e fra i due tredicenni nascerà una inaspettata amicizia.

In occasione della Giornata Internazionale contro le Discriminazioni, Sottodiciotto, in collaborazione con Unicef, inaugura il programma per le scuole con un film che, oltre ad essere una storia sull’amicizia e sull’altruismo  si rivela una parabola sul coraggio e sulla volontà di superare le differenze in nome di una comune voglia di avventura. Il diverso come arricchimento e possibilità.

Introducono la proiezione Luciana d’Amico e Anna Roccato, volontarie dell’Area Istruzione del Comitato Provinciale di Torino per l’UNICEF
Proiezione in collaborazione con il Comitato UNICEF Torino

_

Martedì 12 Marzo, Cinema Ambrosio 1
10.00 | La Strega Rossella e Bastoncino
di Jan Lachauer, Max Lang, Jeroen Jaspaert (Gran Bretagna 2012, 52′)

Una strega dall’animo gentile pronta a condividere la sua scopa volante con un gruppo di amici animali. Un rametto coraggioso disposto a tutto pur di tornare dalla sua famiglia per festeggiare il Natale. Sono i simpatici protagonisti di La strega Rossella e Bastoncino, due gioielli dell’animazione contemporanea tratti, come già Il Gruffalò e Gruffalò e la sua piccolina, dai popolarissimi libri di Julia Donaldson illustrati da Axel Scheffler. Due piccoli capolavori che mescolano avventura, buoni sentimenti e divertimento e che hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti (il primo è stato anche candidato all’Oscar).

Nei due film ritroviamo il senso dell’altruismo, della solidarietà e dell’importanza degli affetti, già presenti nei libri. E come in tutte le fiabe, e così nella vita, le difficoltà non mancano ma possono essere superate se non ci si abbatte e si continua a perseverare.

Introduce la proiezione Andrea Pagliardi, critico e animatore.
Proiezione in collaborazione con Biblioteche Civiche Torinesi e ASIFA Italia.

Laboratorio di lettura per 10 classi a cura di Biblioteche Civiche Torinesi

Giovedì 7 Marzo, Cinema Ambrosio 1
10.00 | Bigfoot Junior
di  Jeremy Degruson, Ben Stassen (Belgio, Francia 2017, 92′)

Adam ha tredici anni e vive solo con la mamma. La sua è un’età di cambiamenti, ma quelli che si trova a sperimentare sembrano un pochino fuori dalla norma: capelli che ricrescono nottetempo, piedi che bucano le scarpe… Come se non avesse già abbastanza problemi con i bulli del vicinato! Poi, la scoperta che suo padre potrebbe non essere morto come gli è sempre stato fatto credere, lo induce a lasciare la città e a partire alla volta di un bosco montano e del suo fitto mistero.

Oltre al tema del bullismo e dell’accettazione di sé, il film offre il pretesto per affrontare il tema molto attuale della salvaguardia della Natura, delle sue regole e della sua complessità/diversità contro l’omologazione prodotta dalla società.

Introduce la proiezione Lia Furxhi, responsabile della programmazione di CinemAmbiente
Proiezione in collaborazione con Festival CinemAmbiente

Mercoledì 13 Marzo, Cinema Ambrosio 1
10.00 | Asino vola
di Marcello Fonte, Paolo Tripodi (Italia 2015, 80′)

Maurizio è un bambino di sette anni che sogna di far parte della banda musicale del paese. Inizia a seguire le lezioni nella banda con gli altri bambini, ma presto resta l’unico senza strumento musicale. La mamma non glielo vuole comprare: vede la musica come l’ennesimo capriccio di un figlio monello, un lusso che la famiglia non si può permettere. Iniziano così le avventure alla ricerca dello strumento.

Asino vola è la storia di un bambino che lotta per affermare il proprio diritto di stare al mondo: è la storia della sua crescita, del travalicamento dei confini angusti della famiglia alla scoperta del mondo. E la musica, e in particolare il tamburo, sarà tramite e mezzo per esprimere la passione, la curiosità e la tenacia, che lo porteranno a realizzare il suo sogno.

Introduce la proiezione Carlo Griseri, giornalista e direttore di Seeyousound Music Film Festival
Proiezione in collaborazione con Seeyousound Music Film Festival

Lunedì 11 marzo, Cinema Greenwich 1
10.00 | Animali fantastici – I crimini di Grindelwald
di David Yates (USA, Gran Bretagna 2018, 124’)

New York, 1927. Sono passati pochi mesi dalla cattura da parte del MACUSA del perfido e potente Grindelwald e, come da minaccia, il Mago Oscuro sfugge presto alla detenzione, nel corso di una sequenza aerea che stabilisce da subito le caratteristiche dello spettacolo visivo che sta per seguire: vertiginoso, inquieto e acrobatico. Grindelwald ha piani estremi, sul mondo dei maghi e su quello dei non maghi, e si dirige a radunare i suoi seguaci, pescando tra le fila degli scontenti per i metodi repressivi e violenti del Ministero della Magia. Ma in particolare cerca Credence, l’Obscuriale miracolosamente scampato alla morte. Anche Newt Scamander, il timido magizoologo, è sulle tracce del ragazzo, per conto di Albus Silente. E naturalmente anche il Ministero, e l’Auror Tina, con la quale Newt ha un malinteso sentimentale in sospeso.

Scritto e sceneggiato da J. K. Rowling, è il secondo film della serie Animali fantastici, in cui sono più stretti ed evidenti i legami con l’universo della saga di Harry Potter.

Introduce la proiezione Cristina Colet, studiosa e critica di cinema
Proiezione in collaborazione con Biblioteche Civiche Torinesi

Laboratorio di lettura per 5 classi a cura di Biblioteche Civiche Torinesi

Giovedì 14 marzo, Cinema Massimo 1
09.30 | Programma speciale: Ma che cos’è il bullismo?

Edhel
di Marco Renda (Italia 2017, 84’)

Edhel è una bambina nata con una malformazione del padiglione auricolare che fa apparire le sue orecchie “a punta”. Affronta il disagio chiudendosi in se stessa e cercando di evitare qualunque rapporto umano che non sia strettamente necessario. La scuola e i compagni, per lei, sono un incubo. L’incontro con Silvano, il bizzarro bidello che inizia Edhel al mondo del fantasy, convince la ragazza della possibilità che quelle orecchie siano il chiaro segno della sua appartenenza alla nobile stirpe degli Elfi.

Il disagio che comporta essere affetti da una malformazione consente agli altri di appiccicare facilmente l’etichetta della “diversità”. Fuggire dalla realtà non è la soluzione ma, talvolta, può essere un’utile pausa in cui riscoprire le proprie risorse interiori per accettarsi e farsi accettare.

AVVISO AI NAVIGANTI: momento di approfondimento sui perché, sul come e sui rischi dell’utilizzo dei social network
Si propone un’esperienza viva e interattiva che evidenzi i bisogni che entrano in gioco nei social, attraverso una navigazione tra le risorse evolutive delle relazioni on-line e i rischi di cyberbullismo.

A cura del Centro di Psicologia Ulisse: conduce la psicologa Alessandra Crispino
Mattinata in collaborazione con Centro di Psicologia Ulisse


Giovedì 21 marzo, Cinema Centrale
10.00 | L’uomo che piantava gli alberi
di Frédéric Back (Canada 1987, 30’)

Il pluripremiato film d’animazione del 1987 (vincitore nel 1988 del premio Oscar come miglior cortometraggio animato) è basato sul racconto omonimo di Jean Giono e racconta la storia di Elzéard Bouffier, uomo misterioso che si è ritirato per una vita solitaria in montagna dopo la morte del figlio e della moglie e che pianta alberi lungo le montagne per renderle meno desolate e tristi. Ben presto gli alberi piantati dal saggio pastore ricopriranno le montagne, facendo resuscitare la natura e i borghi abitati abbandonati dall’uomo.

Introduce la proiezione Camilla Lasiu, redattore del mensile Maverick

Programma speciale cortometraggi
IL PIANETA SU CUI VIVIAMO
Uno dei temi più urgenti del nostro tempo è quello ambientale. Le condizioni di emergenza a cui l’uomo ha costretto il fragile pianeta che ci ospita sono dettate dalle numerose criticità provocate dall’inquinamento, a cominciare dal surriscaldamento globale. Ma questo stato di crisi ci ha portato anche nuove rivoluzioni, economie e comportamenti legati alla sostenibilità. Quasi una guerra in corso per salvare la terra e il futuro della vita.

Humus
di Cirillo, Di Rocco, Livietti, Tagliapietra (2017, 7’)

Polvere di stelle
di Boatto, Cianci, Zanonato (2018, 8’)

Di chi è la terra?
di Daniela Giordano (2018, 15’)

Simposio suino in re minore
di Francesco Filippini  (2017, 9’)

L’anguilla
di Bassoli, D’Ancona, Moratti (2018, 7’)

We listen
di Roberta De Paoli (2018, 11’)

Introduce la proiezione dei cortometraggi Bianca Donderi, responsabile promozione italiana CNC
Mattinata in collaborazione con Festival CinemAmbiente e CNC, Centro Nazionale del cortometraggio

Venerdì 1 marzo, Cinema Massimo 1
09.30 | Wonder
di Stephen Chbosky (USA 2017, 113’)

Auggie Pullman ha dieci anni, gioca alla playstation e adora Halloween, perché è l’unico giorno dell’anno in cui si sente normale. Affetto dalla nascita da una grave anomalia cranio-facciale, Auggie ha subito ventisette interventi e nasconde il suo segreto sotto un casco da cosmonauta. Educato dalla madre e protetto dalla sua famiglia, Auggie non è mai andato a scuola per evitare un confronto troppo doloroso con gli altri. Ma è tempo per lui di affrontare il mondo e gli sguardi sconcertati o sorpresi di allievi e professori. Gli inizi non sono facili e Auggie fa presto i conti con la cattiveria dei compagni… fino a quando un’amicizia si profila all’orizzonte.

In occasione della Giornata Internazionale contro le discriminazioni, Sottodiciotto, in collaborazione con Unicef, inaugura il programma per le scuole con un film che mostra la difficoltà che tutti gli adolescenti incontrano di fronte allo sguardo degli altri. Con uno stile semplice, Wonder racconta la storia di un bambino differente che desidera soltanto essere considerato per quello che è, un ragazzino di dieci anni.

Introducono la proiezione Luciana d’Amico e Anna Roccato, volontarie dell’Area Istruzione del Comitato Provinciale di Torino per l’UNICEF
Proiezione in collaborazione con il Comitato UNICEF Torino

Giovedì 7 marzo, Cinema Ambrosio 2
09.30 | This Changes Everything
di Avi Lewis (USA, Canada 2015, 89′)

Dalla foresta dell’Alberta in Canada, in cui una giovane cerca di avere accesso ad un base militare per testare il disastro in corso sulle terre dei suoi avi, al Montana dove la tribù dei Cheyenne del Nord si batte per fermare l’estrazione di combustibili fossili; dalla Grecia della grande crisi economica, capace comunque di reagire al disastro ambientale, fino all’India in cui un gruppo di uomini e donne riescono a fermare la costruzione di una centrale elettrica a carbone che distruggerebbe l’ecosistema su cui si basa la loro comunità. Il surriscaldamento del pianeta visto attraverso gli occhi determinati di chi è in prima linea o quelli stupiti di un bambino cinese che non ha mai visto il cielo azzurro, le stelle, le nuvole. Girato nel corso di quattro anni, il film parte da una domanda: «E se il riscaldamento globale fosse la nostra ultima occasione?».

Ispirato al best seller internazionale di Naomi Klein, “Una rivoluzione ci salverà”, il film tratta il tema del surriscaldamento globale da una prospettiva inedita: sensibilizzare sui cambiamenti climatici con le storie di uomini e donne che hanno trovato la forza di trasformare il proprio punto di vista, mettendosi in gioco in prima persona. Premiato nel 2015 al Toronto International Film Festival. 

Al termine della proiezione incontro con Lia Furxhi, responsabile della programmazione di CinemAmbiente.
Proiezione in collaborazione con Festival CinemAmbiente

Venerdì 8 marzo, Cinema Romano 2
9.30 | Programma speciale: Ragazze, si vota!
È il 10 marzo 1946 il giorno in cui le donne vanno a votare per la prima volta e senza rossetto sulle labbra, per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione. In occasione della Giornata Internazionale della donna, Sottodiciotto, in collaborazione con l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza dedica la mattinata al tema del voto alle donne, attraverso la visione di corti, interventi degli autori e l’analisi storica dei fatti che portarono al suffragio universale.

Aida
di Mattia Temponi (Italia 2018, 13’33”)
Tutto comincia con una promessa… Siamo nel Nord Italia, una anziana donna, di più di ottant’anni anni, claudicante ed imprecisa nei movimenti, si reca al voto per la prima volta nella sua vita… È il 1946. Finalmente può esprimere il suo voto, come tantissime altre donne italiane. Dal padre le era stato impedito lo studio, il saper leggere e scrivere. Ma sua madre, di nascosto, le regalò un abbecedario, facendosi strappare la promessa che avrebbe studiato non solo per se stessa ma anche per lei. Lì, l’inizio di un percorso di consapevolezza che la guiderà fino a uno dei suoi ultimi gesti: inserire la sua scheda in un urna elettorale.

Prodotto da Cinefonie, Offi-Cine Veneto, Ouvert. Con il sostegno di Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci – partner del Polo del ‘900, Compagnia di San Paolo, Film Commission Torino Piemonte – Short Film Fund e Film Commission Vallee D’Aoste.

Senza rossetto
di Silvana Profeta (Italia 2016, 14’)
Il film è un lavoro di raccolta di testimonianze di donne che andarono a votare per la prima volta (senza rossetto sulle labbra, per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione) per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946 e successivamente, il 2 giugno 1946, per l’elezione di un’Assemblea costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, se Repubblica o Monarchia.  Un progetto costruito attraverso le storie personali ed intime di Elena, Marisa, delle gemelle Silvia e Monalda, di Luigina, di Angela e di altre ancora, volto a riattivare i ricordi sul passato e sul clima di un’epoca –  la dittatura, la guerra, l’antifascismo, la libertà raggiunta – e ad innescare riflessioni sul presente e sul futuro che ancora le attende.

Da un progetto di Emanuela Mazzina e Silvana Profeta, prodotto da Regesta.exe in collaborazione con Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.

Incontro con gli Mattia Temponi e Mattia Puleo, autore e produttore del film Aida e con Paola Olivetti dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza.
A seguire, proiezione dei corti vincitori del concorso Filmare la storia.

Questa è memoria di sangue e di fuoco
Scuola Secondaria di I grado “G.B. Gandino” (Bologna, classe III D – 2015, 3’51”)
Da Filmare la storia 12a edizione 2015 Premio “Paolo Gobetti”

Ragazze, si vota!
Liceo Artistico “B. Cassinari” (Piacenza, classe V Des/Avm – 2017, 22′)
Da Filmare la storia 14a edizione 2017 Premio speciale “25 aprile”

Mattinata in collaborazione con ANCR, Archivio nazionale cinematografico della Resistenza
Laboratorio Ragazze, si vota!  a cura dell’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza

Lunedì 11 marzo, Cinema Greenwich 2
9.30 | The Circle
di James Ponsoldt (USA 2017, 110’)

Mae Holland è figlia unica in una famiglia di condizioni economiche modeste. Mae lavora presso un call center ed è rassegnata a un’odissea di precarietà e invisibilità sociale. A sorpresa, la sua amica Annie riesce invece ad assicurarle un colloquio con l’azienda futuribile per la quale lavora, The Circle. E Mae supera il colloquio, entrando in un universo parallelo che supera ogni sua immaginazione: un campus popolato da migliaia di giovani che lavorano insieme e frequentano le attività ludiche e sportive incessantemente organizzate dai due direttori dell’azienda.

The Circle fa discutere di argomenti all’ordine del giorno: il limite fra la possibilità di intervenire in positivo su ogni aspetto della nostra quotidianità grazie alle nuove tecnologie e il rischio di vedersi così privati di ogni privacy. 

Introduce la proiezione Matteo Merlano, redattore del mensile “Maverick”
Proiezione in collaborazione con Biblioteche Civiche Torinesi

Laboratorio di lettura per 4 classi a cura di Biblioteche Civiche Torinesi

Giovedì 14 marzo, Cinema Massimo 3
10.00 | The Harvest
di Andrea Paco Mariani (Italia 2017, 73’)

A Bella Farnia, frazione di Sabaudia (Latina), risiede una cospicua comunità di sikh, prevalentemente occupati come braccianti nella filiera agricola locale (nell’Agro Pontino si calcola la loro presenza in circa 30mila unità). Il loro lavoro è sfruttato e sottopagato e la non conoscenza della lingua è uno svantaggio nella consapevolezza dei loro diritti, sistematicamente calpestati, ad opera di caporali locali e con la connivenza dei loro connazionali, in spregio delle tutele sindacali. A punteggiare la narrazione, gli interventi di Marco Omizzolo e Simone Andreotti, responsabile scientifico e vice presidente della cooperativa locale InMigrazione, motore del film.

Le note di regia lo definiscono un “docu-musical”, ma si potrebbe definirlo documentario di fiction, a urgente vocazione di inchiesta, che racchiude al suo interno inserti da musical di Bollywood. Una produzione dal basso realizzata da SMK Videofactory, orientata al sociale e fondata dal regista Mariani a Bologna. La formula è quella del crowdfunding, che ha coinvolto svariate realtà come FLAI (Federazione Lavoratori dell’Agro Industria) e la cooperativa InMigrazione.

Al termine della proiezione incontro con Angela Vitale Negrin, referente relazioni esterne Amnesty Piemonte e Valle d’Aosta.
Proiezione in collaborazione con Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta

Al termine della proiezione verrà fornito agli insegnanti il materiale didattico curato da Amnesty International

Martedì 19 marzo, Cinema Greenwich 1
10.00 | Zen – Sul ghiaccio sottile
di Margherita Ferri (Italia 2018, 87’)

All’anagrafe, la sedicenne Maia Zenasi è una ragazza. Per i suoi compagni di liceo è una “mezza femmina”. Ma dentro è Zen, un ragazzo che ama l’hockey e ha un debole per Vanessa, compagna di classe fidanzata con il bullo Luca. Quando Vanessa chiede a Maia le chiavi del suo rifugio di montagna per andare a fare sesso con Luca, Zen gliele consegna. E quando Vanessa deciderà di nascondersi nel rifugio per sottrarsi alle consuetudini di una vita già preordinata sarà Zen il suo modello di anticonformismo.

Zen sul ghiaccio sottile, già menzione speciale per la sceneggiatura al Premio Solinas, presentato da Biennale College Cinema alla settantacinquesima Mostra di Venezia, racconta la storia di un paesaggio umano, un coming of age che parla di identità, di discriminazione e bullismo nell’Italia profonda, attraverso la storia d’amore di due ragazze adolescenti.

Introduce la proiezione Irene Dionisio, regista e direttrice di Lovers Film Festival
Proiezione in collaborazione con Lovers Film Festival

Mercoledì 20 marzo, Cinema Greenwich 1
10.00 | Dove bisogna stare
di Daniele Gaglianone (Italia 2018, 98’)

C’è un paese raccontato come terrorizzato dalle migrazioni e violentemente ostile nei confronti dei migranti. Ma esiste anche un altro paese, che pratica solidarietà e lotta per i diritti ogni giorno, in maniera spesso informale e non strutturata. Non è professionismo, e a volte non è nemmeno esattamente militanza. Dove bisogna stare racconta quattro donne, di età diverse, che in luoghi diversi sono impegnate in attività a prima vista assurde al senso comune o quello spacciato come tale. Donne che appaiono fuori luogo rispetto alla narrazione dominante, quasi incomprensibili. Ascoltando i loro racconti e restituendo il loro quotidiano scopriamo, invece, discorsi e gesti lineari, straordinari nella loro semplicità. Scopriamo che non stanno fuori luogo, ma in un luogo molto reale, nel luogo in cui sentono di avere bisogno di stare.

Una produzione Zalab film, da un’idea nata in collaborazione con Medici Senza Frontiere, in collaborazione con Rai3-Doc3 e realizzato con il sostegno di Medici Senza Frontiere e Piemonte Doc Film Fund – fondo regionale per il documentario – Piemonte Film.

Al termine della proiezione incontro con il regista del film Daniele Gaglianone e con Duda Casari, referente scuole del gruppo di Torino di Medici Senza Frontiere.
Proiezione in collaborazione con Medici Senza Frontiere

Venerdì 22 marzo, Cinema Massimo 2
10.00 | Programma speciale cortometraggi
IL PIANETA SU CUI VIVIAMO
Uno dei temi più urgenti del nostro tempo è quello ambientale. Le condizioni di emergenza a cui l’uomo ha costretto il fragile pianeta che ci ospita sono dettate dalle numerose criticità che l’inquinamento comporta, a cominciare dal surriscaldamento globale. Ma questo stato di crisi ci ha portato anche nuove rivoluzioni, economie e comportamenti legati alla sostenibilità. Quasi una guerra in corso per salvare la terra e il futuro della vita.

Lu piscaturi
di Simone Marangi (2017, 15′)

La terra dopo la terra
di Omar Barchetta (2017, 13′)

Il ragazzo che smise di respirare
di Daniele Lince (2018, 13′)

Il salutista
di Luca Jankovic (2018, 13′)

Summit
di Michael Gaddini (2018, 12′)

Introduce la proiezione dei cortometraggi Bianca Donderi, responsabile promozione italiana CNC.
Mattinata in collaborazione con CinemAmbiente e CNC, Centro Nazionale del cortometraggio

A seguire: Proiezione speciale dei film del Concorso Noi a scuola dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi

Introduce la proiezione Cristina Colet, storica e critica del cinema.
Proiezione in collaborazione con IIC

Venerdì 15 marzo, Cinema Massimo 1
09.00 | Festa di premiazione dei prodotti ITER

Il treno della pace
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.C.S. “Rita Levi Montalcini”, classe 4B (Torino, 04’27”)
Partendo da una rappresentazione teatrale, trasposta in animazione, il lavoro stimola una riflessione sulle ingiustizie e sugli sfruttamenti esistenti degli adulti nei confronti dei bambini. Il treno della pace rappresenta una metafora sulle possibili azioni da compiere per porre rimedio a tutto ciò.

Brucio anch’io
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.C.S. “Maria Mazzarello”, classe 3C (Torino, 02’17’’)
Uno spot sulle conseguenze che i nostri incauti comportamenti e cattive abitudini possono produrre nei confronti del patrimonio boschivo e le buone pratiche che invece lo preservano. Realizzato in collaborazione con A.I.B Regione Piemonte.

Brucio anch’io
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.C.S. “Maria Mazzarello”, classe 3A (Torino, 02’48’’)
Uno spot sulle conseguenze che i nostri incauti comportamenti e cattive abitudini possono produrre nei confronti del patrimonio boschivo e le buone pratiche che invece lo preservano. Realizzato in collaborazione con A.I.B Regione Piemonte

Una gatta in fuga
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ S.P.S. ” Leone Sinigaglia”, classi 5° (Torino, 10’24”)
Liberamente tratta dall’omonimo romanzo di Vanna Cercenà è una storia di amicizia che racconta le traversie di una famiglia siriana costretta dalla guerra a fuggire dal proprio paese. Una riflessione sul problema dell’immigrazione attraverso gli occhi di una bambina e della sua gattina.

La scuola magica
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.C.S.  “A. Peyron” – “Re Umberto I”, classi 2A, 4D, 5B (Torino, 03’00”)
Uno spunto divertente per raccontare, attraverso la voce di Umberto I,  gli accadimenti  che hanno coinvolto l’edificio scolastico dalla sua costruzione fino ai giorni nostri. Il lavoro è stato realizzato nell’ambito del progetto “Adotta un Monumento”.

Il paese incantato cambia colore
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ Scuola dell’Infanzia Municipale di via Bruino, classi Blu, Gialli, Rossi (Torino, 09’14”)
I bambini hanno inventato una  divertente storia sul tema dei colori, realizzando i disegni, sonorizzando il video e collaborando al montaggio in animazione.

Rosa e Vittorio
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.C.S.  “Adelaide Cairoli”, classi 2B, 2C (Torino, 03’07”)
Nell’ambito del progetto “Adotta un Monumento” gli alunni hanno adottato il Mausoleo della Bela Rosin. È lo spunto per una divertente incursione nella vita quotidiana del primo re d’Italia e della sua amata Rosa Vercellana.

113355 – Giuseppe Girotti
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.I.S. “Bosso – Monti”, classi 3F, 4E, 5A, 5E, 5F (Torino, 58’)
La storia del beato Giuseppe Girotti, uno di noi che ha fatto una scelta speciale: porsi al servizio dei fratelli minori, degli ebrei, di chiunque avesse bisogno del suo aiuto. Scelta portata avanti fino all’estrema conseguenza: la morte al campo di concentramento di Dakau. Il lavoro è stato realizzato nell’ambito del progetto “Adotta un Monumento”.

Il passato è sempre presente
Centro di Cultura per la Comunicazione e il Cinema di Animazione/ I.I.S. “Gobetti-Marchesini-Casale-Arduino”, classi 3B, 4A, 4B, 4E, 5A (Torino, 3’)
I ragazzi raccontano la storia dell’Istituto Figlie dei Militari con una inconsueta trama narrativa che deriva dal loro modo di vivere l’Istituto e il suo significato per la città di Torino nel tempo. Il lavoro è stato realizzato nell’ambito del progetto “Adotta un Monumento”.

Da Lunedì 18 marzo a Venerdì 22 marzo Cinema Massimo 1, Massimo 2, Massimo 3
09/13.00 Concorso Nazionale dei Prodotti Audiovisivi delle Scuole

Venerdì 22 marzo, Cinema Massimo 1
17.00 Premiazione del Concorso Nazionale

PERNOTTAMENTO
Di seguito le realtà convenzionate con il Festival Sottodiciotto per il pernottamento. Nella mail o nella comunicazione telefonica è importante specificare che la prenotazione è relativa al Sottodiciotto Film Festival 2019.

Sermig – Ospiteria dell’Arsenale della Pace
Via Andreis 18/27 – Via S. Pietro in Vincoli 24
tel. 011 4368566 | ospiteria@sermig.org

Ostello Torino
Corso Giambone 87/34
tel. 011 6602939 | ostello@ostellotorino.it

Open o11
Corso Venezia 11
tel. 011 250535 | info@open011.it

RISTORO

Beaubar 2.0
20 % di sconto sul menù: panino+patatine+bibita
via Montebello 11

Lounge Bar Gilda
via Po 37/6
Formula 1: Piadina + bibita 6 euro
Formula 2: Primo piatto + bibita 7 euro
Formula 3: Cotoletta + patatine fritte+ bibita 8 euro

OFFTOPIC
Via Pallavicino 35
pranzo 10 euro menù completo (primo, secondo, contorno, acqua e caffè)
cena 10% di sconto su tutto (non vale per dopo cena)

Per la cena

Monegato, primi secondi a nessuno
via Verdi 20
Cena comprensiva di antipasto, primo e dolce: 10 euro
Cena comprensiva di primo, dolce e bibita a scelta: 9 euro

Martedì 12 marzo, Cinema Auditorium (Vinovo)
09.00 | Eureka! Le invenzioni del professor Balthazar I
Il geniale Balthazar nasce dalla fantasia di Zlatko Grgić, esponente di spicco della leggendaria “Scuola di Zagabria”. Una selezione di episodi della storica serie dedicata al professore nella versione restaurata a cura di DVDlab.Il ritorno di un irresistibile classico dell’animazione, una scoperta per i più piccoli.

Professor Balthazar
di Zlato Grgić, Boris Kolar, Ante Zaninović (Jugoslavia 1968-1978, 9’ x 7)
Episodi: Il guardiano del faro / Il tranviere volante / Il maestro Koko / Lo sconosciuto famoso / Una vita rosa e fiori / L’uovomat di Victor / Alfred, il guardiano notturno

Introduce e commenta la proiezione Eugenia Gaglianone, studiosa del cinema dell’Est e insegnante

Martedì 19 marzo, Cinema Multisala Lumiere (Pianezza)
09.15 Edhel
di Marco Renda (Italia 2017, 84’)

Edhel è una bambina nata con una malformazione del padiglione auricolare che fa apparire le sue orecchie “a punta”. Affronta il disagio chiudendosi in se stessa e cercando di evitare qualunque rapporto umano che non sia strettamente necessario. La scuola e i compagni, per lei, sono un incubo. L’incontro con Silvano, il bizzarro bidello che inizia Edhel al mondo del fantasy, convince la ragazza della possibilità che quelle orecchie siano il chiaro segno della sua appartenenza alla nobile stirpe degli Elfi.

Il disagio che comporta essere affetti da una malformazione consente agli altri di appiccicare facilmente l’etichetta della “diversità”. Fuggire dalla realtà non è la soluzione ma, talvolta, può essere un utile ausa in cui riscoprire le proprie risorse interiori per accettarsi e farsi accettare.

Forte del successo registrato negli scorsi anni, Sottodiciotto riconferma l’appuntamento con Sotto18 LAB, uno spazio di coinvolgimento attivo per gli studenti di ogni età.

_
LAB 6-11 anni

Arte in banco e nero
Un’esperienza alla scoperta dei materiali fotosensibili e delle possibilità espressive che essi offrono: dalle stampe off-camera ai contatti in camera oscura, dal negativo in bianco e nero alle immagini digitali. Una visita in Laboratorio per chi desidera scoprire, attraverso una breve esperienza in camera oscura, la magia della fotografia.

A cura di Laboratorio ITER – Laboratori Arti Visive Remida
via Modena 35, Torino – tel. 011.01120897/12
Giorni e orari: lunedì 18/3 e martedì 19/3 ore 9.30/12.00 – 14.00/16.30; giovedì 21/3 e venerdì 22/3 ore 9.30/12.00.


L’inventore di storie
Il cartone animato come strumento ludico verso una narrazione consapevole. Attraverso la visione di alcuni cortometraggi d’autore, gli alunni scopriranno gli aspetti narrativi tipici dell’animazione: il sogno, la fiaba, il paradosso, la risata, la paura, la varietà di personaggi e di contesti possibili. Dall’insegnamento di “Tante storie per giocare” di Rodari, tanti finali verranno inventati. Preparate fogli e matite, saranno due ore divertenti e indimenticabili!

Oggi le comiche!
Conoscete le avventure di Charlot? E il tentativo maldestro di Buster Keaton di costruirsi   una nuova casa? Le torte di Stanlio e Ollio!!! Dopo aver analizzato insieme alcuni aspetti fondamentali di questo tipo di narrazione (contesto, caratterizzazione del personaggio, protagonista – antagonista, uso degli oggetti e del corpo) gli alunni saranno invitati a inventare nuovi protagonisti, ispirandosi al proprio… autoritratto.
Un foglio da disegno, cartoncino colorato, matite o pennarelli, tanta fantasia e il gioco sarà fatto!

Due laboratori d’animazione curati e condotti da Eugenia Gaglianone
Sedi scolastiche. Giorni e orari: lunedì 11/03 ore 09.00-11.00, mercoledì  13/03 ore 09.00-11.00, giovedì 14/03 ore 09.00-11.00
StudiumLab,  Dipartimento Studi Umanistici – Università degli Studi di Torino (Palazzo Nuovo, Via sant’Ottavio 20 – PIANO TERRA). Giorni e orari: lunedì 18/03 ore 14-16.00, mercoledì 20/03 ore 14-16.00, venerdì 22/03 ore 14-16.00


Cineletture

Dalla pagina allo schermo. Leggere ad alta voce e commentare a scuola i libri che hanno ispirato il film che si vedrà al cinema. Laboratorio di lettura sul film La strega Rossella e Bastoncino di Jan Lachauer, Max Lang, Jeroen Jaspaert.

A cura di Biblioteche Civiche Torinesi
Sedi scolastiche
Giorni e orari: da concordare con i docenti previa prenotazione

Laboratorio di 2 ore per 10 classi di scuola primaria di Torino legato alla proiezione del film

_
LAB 11-14 anni

Arte in banco e nero
Un’esperienza alla scoperta dei materiali fotosensibili e delle possibilità espressive che essi offrono: dalle stampe off-camera ai contatti in camera oscura, dal negativo in bianco e nero alle immagini digitali. Una visita in Laboratorio per chi desidera scoprire, attraverso una breve esperienza in camera oscura, la magia della fotografia.

A cura di Laboratorio ITER – Laboratori Arti Visive Remida
via Modena 35, Torino – tel. 011.01120897/12
Giorni e orari: lunedì 18/3 e martedì 19/3 ore 9.30/12.00 – 14.00/16.30; giovedì 21/3 e venerdì 22/3 ore 9.30/12.00.


L’inventore di storie

Il cartone animato come strumento ludico verso una narrazione consapevole. Attraverso la visione di alcuni cortometraggi d’autore, gli alunni scopriranno gli aspetti narrativi tipici dell’animazione: il sogno, la fiaba, il paradosso, la risata, la paura, la varietà di personaggi e di contesti possibili. Dall’insegnamento di “Tante storie per giocare” di Rodari, tanti finali verranno inventati. Preparate fogli e matite, saranno due ore divertenti e indimenticabili!

Oggi le comiche!
Conoscete le avventure di Charlot? E il tentativo maldestro di Buster Keaton di costruirsi   una nuova casa? Le torte di Stanlio e Ollio!!! Dopo aver analizzato insieme alcuni aspetti fondamentali di questo tipo di narrazione (contesto, caratterizzazione del personaggio, protagonista – antagonista, uso degli oggetti e del corpo) gli alunni saranno invitati a inventare nuovi protagonisti, ispirandosi al proprio… autoritratto.
Un foglio da disegno, cartoncino colorato, matite o pennarelli, tanta fantasia e il gioco sarà fatto!

Due laboratori d’animazione curati e condotti da Eugenia Gaglianone
Sedi scolastiche. Giorni e orari: lunedì 11/03 ore 9-11.00, mercoledì  13/03 ore 9-11.00, giovedì 14/03 ore 9-11.00
StudiuamLab,  Dipartimento Studi Umanistici – Università degli Studi di Torino (Palazzo Nuovo, Via sant’Ottavio 20 – PIANO TERRA). Giorni e orari: lunedì 18/03 ore 14-16.00, mercoledì 20/03 ore 14-16.00, venerdì 22/03 ore 14-16.00


Cineletture

Dalla pagina allo schermo. Leggere ad alta voce e commentare a scuola i libri che hanno ispirato il film che si vedrà al cinema. Laboratorio di lettura sul film Animali fantastici – I crimini di Grindelwald di  David Yates.

A cura di Biblioteche Civiche Torinesi
Sedi scolastiche Giorni e orari: da concordare con i docenti previa prenotazione.

Laboratorio di 2 ore per 5 classi di scuola secondaria di I grado di Torino legato alla proiezione del film

 

Io sono il mio quartiere, noi siamo il nostro quartiere
Il furgoncino rosso di Cultura in movimento arriva a Torino per Sottodiciotto e per le prime due settimane di marzo andrà a raggiungere e incontrare nei loro contesti scolastici e di vita ragazzi e ragazze, per condividere e dialogare con loro sull’idea di quartiere e di città che abitano. Pensare i luoghi insieme aiuta la viva partecipazione e l’attivazione su di essi, permettendo prassi trasformative di cui ogni spazio fisico necessita per diventare luogo sociale. Il laboratorio partirà dalla “visione di sé” in relazione con i propri luoghi e i propri affetti per poi legarla immediatamente a quella degli “altri” e della comunità.
Il  laboratorio, nella sua fase finale, permetterà ad ogni classe partecipante di rendere pubblica una piccola installazione grafica temporanea al di fuori delle mura scolastiche, elemento che creerà un collegamento visivo e culturale con il quartiere circostante e le altre scuole aderenti all’iniziativa, una mappa in movimento….

A cura di Cultura in movimento – Circolo Arci Cinema Vekkio Corneliano d’Alba
Sedi scolastiche
Giorni e orari: venerdì  1/03 ore 8-10.00, ore 11-13.00; venerdì 8/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00; mercoledì 13/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00; venerdì  15/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00

_
LAB 14-19 anni

Cineletture
Dalla pagina allo schermo. Leggere ad alta voce e commentare a scuola i libri che hanno ispirato il film che si vedrà al cinema. Laboratorio di lettura sul film The Circle di James Ponsoldt.

A cura di Biblioteche Civiche Torinesi
Sedi scolastiche
Giorni e orari: da concordare con i docenti previa prenotazione

Laboratorio di 2 ore per 4 classi di scuola secondaria di II grado di Torino legato alla proiezione del film


Raccontare con i robot e il video
Cinedumedia propone un laboratorio in cui sperimentare i linguaggi audiovisivi, multimediali e quelli della robotica educativa. Spesso non ci rendiamo conto delle enormi potenzialità che la tecnologia ci offre per raccontare con i media. Abbiamo così pensato a uno spazio esperienziale in cui i partecipanti potranno avvicinarsi alle logiche e alle tecniche espressive dei linguaggi tecnologici: insieme, proveranno a costruire dei piccoli prodotti di comunicazione virale, dall’ideazione alla realizzazione pratica, cercando di integrare i diversi codici espressivi in una forma di transmedia storytelling.

Si lavorerà su:
– Ideazione e scrittura di materiali per il video e per la robotica
– Riprese e montaggio

A cura di Lorenzo Denicolai, Centro Interdipartimentale di Ricerca per il Cinema,
l’Educazione e i Media (Cinedumedia) – Università di Torino

via Sant’Ottavio 20, Torino – tel. 011.6703395
Giorni  e orari: Martedì 19 marzo, ore 11-13.00
Il videogioco come diario
Sempre più spesso il videogioco è uno strumento per raccontare se stessi, la propria vita, il proprio ambiente. I videogiochi non sono soltanto racconti epici o utopie fantascientifiche, ma possono essere diari, lettere, autobiografie. In questo incontro esploreremo alcuni dei più riusciti videogiochi autobiografici e proveremo a scriverne uno utilizzando Twine, uno strumento molto semplice e potente per la realizzazione di testi interattivi.

A cura di Riccardo Fassone, Centro Interdipartimentale di Ricerca per il Cinema,
l’Educazione e i Media (Cinedumedia) – Università di Torino

via Sant’Ottavio 20, Torino – tel. 011.6703395
Giorni  e orari: Martedì 19 marzo, ore 14-16.00


Io sono il mio quartiere, noi siamo il nostro quartiere

Il furgoncino rosso di Cultura in movimento arriva a Torino per Sottodiciotto e per le prime due settimane di marzo andrà a raggiungere e incontrare nei loro contesti scolastici e di vita ragazzi e ragazze, per condividere e dialogare con loro sull’idea di quartiere e di città che abitano. Pensare i luoghi insieme aiuta la viva partecipazione e l’attivazione su di essi, permettendo prassi trasformative di cui ogni spazio fisico necessita per diventare luogo sociale. Il laboratorio partirà dalla “visione di sé” in relazione con i propri luoghi e i propri affetti per poi legarla immediatamente a quella degli “altri” e della comunità.
Il  laboratorio, nella sua fase finale, permetterà ad ogni classe partecipante di rendere pubblica una piccola installazione grafica temporanea al di fuori delle mura scolastiche, elemento che creerà un collegamento visivo e culturale con il quartiere circostante e le altre scuole aderenti all’iniziativa, una mappa in movimento….

A cura di Cultura in movimento – Circolo Arci Cinema Vekkio Corneliano d’Alba
Sedi scolastiche
Giorni e orari: venerdì  1/03 ore 08.00-10.00, ore 11-13.00; venerdì 8/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00; mercoledì 13/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00; venerdì  15/03 ore 08.00-10.00, ore 11.00-13.00


Ragazze, si vota!
Collateralmente alla Giornata Internazionale della donna e alla mattinata al cinema dell’ 8 marzo, Ragazze, si vota!, si terrà un laboratorio di approfondimento sul tema del voto alle donne.

In Italia l’idea di poter votare si concretizza per le donne con il primo appuntamento elettorale dopo la fine della guerra. È il 10 marzo 1946 il giorno in cui le donne vanno a votare per la prima volta e senza rossetto sulle labbra, per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione. Si vota per le elezioni amministrative e trova finalmente attuazione il decreto luogotenenziale sul suffragio femminile, entrato in vigore un anno prima e voluto dal secondo governo Bonomi. Successivamente, il 2 giugno 1946, voteranno per l’elezione di un’Assemblea Costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, Repubblica o Monarchia. Il laboratorio didattico a cura dell’ANCR intende ripercorrere gli anni precedenti la concessione del voto alle donne, dalla lotta per la liberazione al secondo dopoguerra, attraverso l’uso delle fonti audiovisive, film a soggetto e materiali d’archivio.

A cura di Archivio Nazionale cinematografico della Resistenza – Sala Polo del ‘900 (sala conferenze)
Corso Valdocco 4/a, Torino – tel. 011.4380111
Giorno e orari: Giovedì 7 marzo, ore 10-12.00

_
PER TUTTI 6-19 anni

Visite al Museo del Cinema
Il Museo Nazionale del Cinema, allestito nella suggestiva Mole Antonelliana, offre l’ingresso gratuito a 20 classi (massimo 25 persone per classe) che partecipano alle proiezioni di Sottodiciotto. Verrà data priorità alle scuole provenienti da fuori Piemonte.

Museo Nazionale del Cinema – Mole Antonelliana
via Montebello 20, Torino, tel.011.8138564/5

Giorni e orari per le visite a ingresso gratuito
Lunedì 19 marzo ore 15.00/15.20/15.40/16.00/16.20
Mercoledì 21 marzo ore 15.40/16.00/16.20/16.40/17.00
Giovedì 22 marzo ore 15.00/15.20/15.40/16.00/16.20
Venerdì 23 marzo ore 15.00/15.20/15.40/16.00/16.20

Tutte le proiezioni, gli appuntamenti per le scuole e i laboratori sono a ingresso gratuito previa prenotazione presso gli uffici del Festival contattando:

Cristina Colet
info@sottodiciottofilmfestival.it
TEL 011 538962

 

I LUOGHI DEL FESTIVAL

Torino

Cinema Ambrosio
Corso Vittorio Emanuele II 52
tel. 011.540068

Cinema Centrale
Via Carlo Alberto 27
tel. 011.540110

Cinema Fratelli Marx
Corso Belgio 53
tel. 011.8121410

Cinema Greenwich
Via Po 30
tel. 011.8390123

Cinema Massimo
Via Verdi 18
tel. 011.8138574

Cinema Romano
Galleria Subalpina, Piazza Castello 9
tel. 011.5620145

Fuori Torino

Cinema Multisala Lumière
via Fratelli Rosselli 19, Pianezza
tel. 011.9682088

Cinema Auditorium
Via Roma 8, Vinovo
tel. 011.965 1181

Uffici del Festival

Sottodiciotto Film Festival & Campus c/o AIACE Torino
Galleria Subalpina 30
10123 Torino
tel. 011.538962; 011.5067525
info@sottodiciottofilmfestival.it
www.sottodiciottofilmfestival.it

con la collaborazione di
A.I.A.C.E. Nazionale – Centro Nazionale del Cortometraggio, Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta, ANCR – Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, ASIFA Italia – Associazione Italiana Film d’Animazione, Biblioteche Civiche Torinesi, Centro di Psicologia Ulisse, CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivi a  Scuola, Cinedumedia – Università degli Studi di Torino, Comitato UNICEF Torino, Comune di Pianezza – Assessorato alla Cultura, Comune di Vinovo – Assessorato alla Cultura, Cultura in movimento – Circolo Arci Cinema Vekkio Corneliano d’Alba, Festival CinemAmbiente, Istituto Italiano di Cultura di Parigi, ITER – Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile, Lovers Film Festival, Medici Senza Frontiere, Seeyousound Music Film Festival, StudiumLab – Università degli studi di Torino, Museo Nazionale del Cinema

media-partner
Maverick, mensile di Aiace Torino

accoglienza
I.I.S.S. “Giovanni Giolitti” di Torino
I.I.S.S. “Valentino Bosso – Augusto Monti” di Torino

servizi video
I.P.S. “Albe Steiner” di Torino
I.I.S.S. “Luigi Des Ambrois” di Oulx (To)

comitato selezione Concorso Scuole e OFF
Cristina Colet
Eugenia Gaglianone
Sara Girardo
Carlo Griseri
Matteo Merlano

© 2015 - AIACE Torino Galleria Subalpina, 30 10123 Torino - P.IVA 05218600012